Come preparare la nuova stagione turistica in 7 mosse

Come preparare la nuova stagione turistica in 7 mosse

L’estate sta finendo e per chi lavora nell’ospitalità è tempo di bilanci di un’estate che ha in parte risollevato le sorti delle località turistiche. Nello stesso tempo è anche necessario prepararsi al futuro, tra incertezze su una reale uscita dalla pandemia che ha condizionato gli ultimi due anni e la consapevolezza che il turismo vive di programmazione. Per cui, anche se non si pensa di riaprire prima della prossima primavera non si può lasciare nulla al caso. Bisogna progettare, riorganizzarsi, fare lavori in casa, rivedere il modo di promuoversi e di fare accoglienza imparando da errori e lamentele del passato. Eccovi quindi una comoda task list delle attività a cui dovete assolutamente dare uno sguardo per essere competitivi anche nel 2022.

Aggiornare calendario prezzi e disponibilità

Le vostre tariffe sono aggiornate sulle OTA almeno per i prossimi 12 mesi? Il ritorno dalle vacanze è spesso un periodo propizio per pensare e prenotare la vacanza successiva per cui, se non avete ancora impostato le tariffe e le disponibilità per l’estate 2022, non dovete perdere tempo a farlo. Tenete presente che su Booking ed Expedia è possibile impostare i prezzi per i 15 mesi successivi, mentre su Airbnb potete inserire anche tariffe a due anni. Meglio quindi approfittarne: una prenotazione così anticipata è rara, ma possibile. Cercate per quanto possibile di applicare i principi base del revenue management: verificate i possibili eventi che potrebbero far alzare i prezzi in alcune date e monitorate il comportamento della concorrenza negli stessi periodi. Valutate inoltre se impostare periodi di soggiorno minimo o restringere la flessibilità della cancellazione, per evitare di farsi bloccare le date da gente che potrebbe cancellare. Prendete inoltre l’abitudine ad aggiungere mensilmente ulteriori 30 giorni di tariffe.

Migliorare case e camere

Dopo un’estate intensa ci saranno sicuramente degli arredi da sostituire o da rinnovare, oppure si può decidere di migliorare la dotazione tecnologica delle camere. La bassa stagione è il momento migliore per dedicarsi a questi lavori, alcuni dei quali sono strettamente necessari. Da gennaio 2023 ad esempio, cambierà lo standard di trasmissione del digitale terrestre e chi non ha un televisore adeguato sarà costretto a cambiarlo. Inoltre si può pensare di aggiungere elettrodomestici che arricchiscono l’esperienza dell’ospite come bollitori o macchina del caffè, o magari migliorano l’accoglienza come strumenti di self check-in e di domotica. Non dimenticate mai di sostituire biancheria da letto e da bagno usurata e di verificare se tutte le dotazioni funzionano correttamente.

Rivedere la comunicazione con gli ospiti

Ripensate alle incomprensioni avute con gli ospiti e cercate di capire in onestà se possono dipendere dall’aver comunicato male qualcosa: le vostre descrizioni sulle piattaforme sono chiare o avete omesso dei dettagli? nelle tariffe siete stati trasparenti o ci sono dei costi nascosti? avete creato aspettative esagerate rispetto alla realtà o avete minimizzato dei difetti? avete scritto delle regole o degli orari precisi per il check-in ma nessuno li ha letti? Molto spesso le differenze di aspettative che generano delusione possono essere risolte con una migliore comunicazione prima del soggiorno: descrizioni esaustive sui canali di prenotazione, mail di benvenuto dopo la prenotazione, chiarimenti sulle regole del soggiorno, disponibilità per ulteriori dubbi: cercate di immedesimarvi nel vostro cliente che prenota e testate se tutte le comunicazioni che arrivano sono sufficienti o se lasciano dubbi nel potenziale cliente.

Dare una rinfrescata al sito web

L’autunno è spesso anche la stagione in cui si aggiorna o si progetta un nuovo sito web: osservate le statistiche del vostro sito, guardate le pagine più viste e analizzate la provenienza del traffico. Allo stesso modo guardate le pagine che non hanno funzionato e cercate di capire se sono migliorabili. Verificate la velocità del vostro sito con Google Page Speed Test Insight e il posizionamento su Google con Seo Optimer: i risultati vi serviranno a capire con la vostra web agency i lavori a cui dare priorità per un sito performante. Valutate anche di cambiare agenzia se i valori sono particolarmente pessimi: valutate nuovi fornitori e con gli stessi strumenti potete capire come hanno lavorato su altri siti.

Scattare foto e video di stagione

Approfittate degli ultimi giorni di estate per scattare foto e girare video con il bel tempo: i colori estivi svaniranno presto e se arrivate tardi rischiate di mostrare il vostro appartamento con l’estate con atmosfere cupe e gli alberi senza foglie. Se avete strutture aperte tutto l’anno, scattate foto nelle diverse stagioni e ruotatele nel tempo per renderle più adatte alla stagione in cui si prenota. E comunque tenete presente che arrivano molte più prenotazioni quando c’è il sole.

Imparare dalle recensioni

Scorrete le lamentele e gli appunti negativi che avete ricevuto perché sono spesso una miniera di consigli su cosa migliorare nella propria gestione. Valutate se è stato lamentato un problema reale: se più persone fanno notare la stessa cosa probabilmente c’è qualcosa che va migliorato. La capacità di ascolto è essenziale per imparare dagli errori commessi e impegnarsi a cambiare le cose. Anche nelle risposte alle recensioni, far comprendere che si farà qualcosa per porre rimedio a un problema segnalato è ben visto da parte degli ospiti passati e futuri.

Prepararsi al post-covid

L’emergenza non è ancora finita ma si vede la luce in fondo al tunnel. Le regole della ripartenza sono più chiare e le speranze di tornare ad accogliere più turisti internazionali nei prossimi mesi sono concrete. Per questo è bene ritornare a lavorare per tornare ad attirarli: secondo Google l’Italia è la seconda destinazione più cercata al mondo (dopo gli Stati Uniti, che hanno ancora le frontiere chiuse). Pensate a un piano editoriale sui social, sul sito, su Google My Business e su tutti i canali di comunicazione che avete attivato per dire a questi futuri ospiti che voi ci siete e siete pronti ad accoglierli.

Vuoi sapere come migliorare l’esperienza di soggiorno degli ospiti e risparmiare tempo e costi per l’accoglienza? Scopri di più su Vikey: self check-in e domotica.

Scopri le ultime news:

Condividi sui social network

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email