self check-in

Vikey, il concierge virtuale per un check-in smart in autonomia in hotel e case in affitto

Il sistema, ideato da un’azienda italiana, permette di gestire a distanza e in tutta sicurezza senza contatti le procedure burocratiche e di dare al cliente chiavi virtuali da utilizzare sul cellulare per il tempo del soggiorno

Vikey, startup italiana presente in sei paesi e con più di 3.500 dispositivi venduti, ha ideato una soluzione – pensata per i gestori degli hotel o per chi affitta casa o stanze online – che consente di effettuare tutte le operazioni di check-in a distanza e dà al cliente una chiave virtuale da utilizzare sul cellulare per aprire porte, portoni e cancelli. Si tratta di un sistema che può tornare molto utile a chi affitta case distanti dalla propria abitazione, per gli hotel con poco personale o che promettono la privacy massima ai propri clienti o per gli arrivi in orari non convenzionali. E al tempo del coronavirus anche per evitare il più possibile i contatti con i clienti e tra i clienti.

Il check-in in tutta sicurezza

Tra le linee guida che consentono alle strutture ricettive di operare in sicurezza, infatti, c’è proprio il self check-in, la possibilità cioè di fare la registrazione in completa autonomia. “Il self check-in, se già prima era una tecnologia fondamentale per ottimizzare la fase dell’accoglienza, ora è fondamentale per tornare ad ospitare i turisti nella propria struttura – ha spiegato Luca Bernardoni, amministratore delegato e co-fondatore di Vikey – e per questo motivo abbiamo lavorato per potenziare ancora di più il nostro servizio”. 

Come funziona

Vikey è in grado di gestire porte, portoni e cancelli e si adatta grazie a una scatoletta anche ai citofoni. In più ha un software in grado di dialogare con big del turismo come Booking, AirBnb, Homeaway che offre la possibilità di effettuare il checkin a distanza e la registrazione dei documenti e dei pagamenti. Una volta sbrigate tutte le formalità burocratiche il software invia sul cellulare degli inquilini un link con i tasti di apertura e chiusura porta, attivi ovviamente solo per il tempo del soggiorno. Il proprietario ha comunque la possibilità di aprire e chiudere la porta a distanza tramite un’app e di rispondere al citofono (e quindi utilizzare i tasti del citofono) dal proprio cellulare.

Un sistema che funziona da subito

L’apertura dei portoni è resa possibile grazie a un dispositivo che si installa vicino al citofono; sulla porta viene invece sostituita la serratura tradizionale con Vikey Lock, una serratura “intelligente” gestibile da app o da un tastierino numerico (che elimina completamente le chiavi). Inoltre, tra le novità lanciate negli ultimi mesi anche un sistema di sopralluogo virtuale e gratuito tramite WhatsApp per permettere ai tecnici partner di verificare a distanza la compatibilità della struttura con i dispositivi di Vikey.

Clicca qui per l’articolo completo.

Condividi sui social network

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email